I Cristiani e il Coronavirus

21La situazione del quasi azzeramento delle nostre libertà, l’imposta restrizione di restare a casa in nome della responsabilità civile e della salute pubblica, per fermare la diffusione del contagio COVID-19  è senza precedenti.

Stiamo tutti a casa, niente più stadio, gite all’aperto, passeggiate nel parco, weekend fuori porta, perfino niente più celebrazioni. Ma se i locali delle chiese anche se vengono chiusi al pubblico, non possono essere chiuse le chiese, perché la chiesa non è un locale, un edificio. La chiesa è il popolo di Dio, costituito dai figli di Dio, resi figli perché hanno ricevuto Gesù come Salvatore e Signore personale (Gio 1:12)

Oltre all’utilizzo della tecnologia odierna che tramite internet permette di rimanere collegati, i figli di Dio continuano a coltivare e approfondire la propria genuina relazione con il Signore anche rinchiusi nelle proprie mura domestiche. I figli di Dio non cadono in disperazione, non vengono travolti dalla preoccupazione, ne tanto meno dalla noia delle restrizioni domiciliari. Ecco cosa fanno i cristiani in questo tempo di isolamento sociale.

PRIMO. I discepoli di Gesù sanno che la preghiera apre gli occhi sulla realtà delle situazioni, anche quelle difficili, anche quelle critiche, come quella che stiamo vivendo a causa del Coronavirus. C’è una storia nell’Antico Testamento ai tempi del re Giosafat, preso dalla paura per una situazione difficile e pericolosa. Il re rivolse la sua preghiera a Dio: “non sappiamo cosa fare, ma gli occhi nostri sono su di te.” (2Cro. 20:12)

Il salmista scrisse: “Alzo gli occhi ai monti da dove mi verrà l’aiuto. Il mio aiuto viene dal Signore che ha fatto i cieli e la terra.” (Salmo 121). In questo tempo, rinchiusi nelle loro case, i cristiani pregano per invocare l’intervento di Dio, per chiedere conforto e consolazione per quelli che sono nella sofferenza, afflitti dal contagio, per chiedere la protezione su quelli che sono in prima linea a combattere fisicamente il virus.

SECONDO. Manca quel caffé preso per abitudine al bar con gli amici o con i colleghi, manca l’aperitivo consumato insieme, una pizza fra amici, la folla per le strade dello shopping, la gite al mare o in montagna. Tutto questo ora manca, ma quante cose possono essere riscoperte? Invece di alimentare pensieri di preoccupazione e paura, i cristiani vivono questo momento particolare con fiducia in Dio, e la fede caccia via ogni paura (Isa. 12:2). In questa atmosfera di serenità è possibile ringraziare ogni giorno al risveglio e sapere di vivere la giornata in pace con Dio, alla sua presenza, sotto il suo sguardo. Si considerano le benedizioni ricevute da Dio nel non essere soli, per le cose che si hanno, per le promesse fatte da Dio che nutrono la fede. Gesù disse: “Io sono con voi ogni giorno … Io non ti lascerò e non ti abbandonerò.” (Mat. 28:20; Ebr. 13:5-6)

TERZO. In questo periodo di forzata residenza domestica e di isolamento sociale, i figli di Dio non trascurano le loro responsabilità. Nel rispetto delle autorità contribuiscono non solo al rispetto delle responsabilità civile, ma attivamente collaborano nella lotta contro il contagio. La Samaritan Purse ha installato un ospedale da campo a Cremona, la chiesa cinese a Roma distribuisce migliaia di mascherine ogni giorno. E nel proprio piccolo contesto ogni figlio di Dio si preoccupa non solo per sé stesso, ma anche per gli altri. In questo periodo si isolamento sociale, l’ospitalità cristiana continua nel ravvicinamento spirituale, non solo con la preghiera, ma anche invitando le persone con la tecnologia moderna. Una telefonata, un collegamento social, una chiamata tramite internet, le persone sono invitate e accolte.

Questo è possibile non per delle proprie buone intenzioni o peculiari attitudini caratteriali. Questo è il frutto dello Spirito che opera nei figli di Dio. Uno spirito non di paura, ma di forza, di amore, e di autocontrollo (2Tim. 1:7). Con questo spirito l’opera continua e non si esaurisce.

CP

I Salmi dell’Avvento

christmas (2)Le domeniche che precedono il Natale sono giornate piene di attività, preparativi, acquisti frenetici fino all’ultimo momento utile. Il natale celebra nel mondo cristiano l’evento cruciale per la storia e per l’intera umanità: la nascita di Gesù, il Cristo, il Messia, il Salvatore.

Anche nelle chiese iniziano tanti preparativi in vista di questo giorno, canti, cori, recite, e predicazioni. Di solito per la musica di lode si prepara un repertorio di canti natalizi; per i sermoni che verranno predicati ci si rivolge ai testi dell’avvento nel Nuovo testamento o a quelli profetici dell’Antico testamento, ma in poche occasioni in questo periodo dell’anno si scelgono brani tratti dal libro dei Salmi.

I 150 Salmi sono una raccolta di preghiere, di canti, e perfino di imprecazioni contro i nemici, una panorama variopinto dell’emotività dell’uomo che si rivolge al proprio creatore e Signore. Eppure, quando gli angeli apparvero ai pastori per annunciare la nascita di Gesù, il re dei re, innalzarono le loro voci per lodare Dio nei cieli altissimi.

Nelle prossime domeniche di dicembre 2019 prepareremo, tra le tante cose sulle nostre liste, anche la nostra predisposizione d’animo per lodare e ringraziare Dio, creatore del cielo e della terra, re dell’universo, per il dono prezioso e ineffabile di Gesù, nato da Maria per intervento divino a Betlemme e cresciuto a Nazareth. Il Salvatore promesso nelle profezie dell’Antico Testamento; l’Emmanuele, Dio con noi, come testimoniato dai suoi amici e perfino dalle false accuse dei suoi nemici.

Buon Natale.

Superare i periodi di sofferenza

moloNessuno si augura la sofferenza, anzi quando capita che la nostra vita ne sia afflitta in qualche modo, speriamo che passi il più presto possibile. A volte si ha la percezione che la sofferenza non passi mai, che sia senza fine.

Qualcosa del genere accadde al popolo d’Israele, sconfitto e conquistato dall’esercito babilonese, e infine molti di quelli fatti prigionieri furono deportati a Babilonia. Immagina le loro emozioni, i loro sentimenti, le loro preghiere, le lacrime al solo ricordo delle loro case distrutte. Come loro, rivolgendomi a Dio mi sarei aspettato una risposta del tipo: “Eccomi, vi riporto subito nel vostro paese.” Invece, tramite il profeta Geremia, Dio disse. “Quando settant’anni saranno compiuti per Babilonia, io vi visiterò e manderò a effetto per voi la mia buona parola facendovi tornare in questo luogo.” (Geremia 29:10) Cosa? Si hai letto bene. Settant’anni! Dio rispose alle loro preghiere dicendo qualcosa del tipo: “mettetevi comodi, sistematevi al meglio che potete, e abbiate pazienza, perché nei miei piani ci sono settant’anni per questa situazione.” Una serie di ragioni che andavano oltre le loro richieste e che non tutti erano in gradi di collegare i punti di questa trama. Ma Dio aveva parlato e promesso dopo il settantesimo anno vi riporterò a casa vostra, la sofferenza finirà.

Ma Dio non li lasciò con una lunga prospettiva di sofferenza, subito aggiunge che nei suoi piani c’è pace (shalom) e speranza per loro. “Io so i pensieri che medito per voi”, dice il SIGNORE: “pensieri di pace e non di male, per darvi un avvenire e una speranza.” (Geremia 29:11) Spesso ricordiamo a noi stessi o ad altri questa promessa riguardo i piani benevoli di Dio verso il suo popolo, ma altrettanto frequentemente dimentichiamo di leggere il contesto in cui questa promessa viene fatta, un lungo periodo di sofferenza.

Qualunque sia il periodo di difficoltà e sofferenza in cui possiamo trovarci e che stiamo attraversando, Dio ci assicura la sua benevolenza. Le sue intenzioni non sono mai per farci del male, e sempre per il nostro benessere. Anche se resta difficile comprenderlo.

Inoltre, ci ricorda che dobbiamo continuare a cercarlo a rivolgerci a Lui per essere aiutati e soccorsi. “Voi m’invocherete, verrete a pregarmi e io vi esaudirò. Voi mi cercherete e mi troverete, perché mi cercherete con tutto il vostro cuore; io mi lascerò trovare da voi“, dice il SIGNORE (Geremia 29: 12-14)

Quando cerchiamo Dio, vediamo Dio. Lo vediamo all’opera. Quando abbiamo fiducia in Lui, la nostra fede cresce e vediamo sempre meglio i suoi piani e la sua prospettiva. Se vogliamo vedere la sua opera nelle nostre situazioni, dobbiamo cercarlo, camminare nelle sue vie, e nutrirci della sua parola. Qui troviamo le sue promesse e i sui piani per il nostro bene e il nostro futuro.

Se ci troviamo in qualche situazione sofferente e difficile, se ci sembra che non ci sia via d’uscita o soluzione dal periodo in cui ci troviamo, è facile che cominciamo a pensare che i buoni piani di Dio non sono per noi, o perfino arriviamo a pensare che Dio, in cui abbiamo messo la nostra fiducia, ci abbia dimenticato. La verità è che Dio ci è più vicino di quello che pensiamo. Dio ci ricorda che se lo cerchiamo Lui si farà trovare e vedremo la sua opera in azione per il nostro bene. Lui ci ha donato la vita e la sostiene. Dal giorno in cui siamo nati, fino all’ultimo respiro Dio è il nostro soccorritore. Egli è più che capace di realizzare i suoi piani per il nostro bene. Cercalo, Egli si farà trovare.

Pianificare Efficacemente il Nuovo Anno

2 sam 7 22

Ogni nuovo anno appena iniziato, come quello in cui ci troviamo, alimenta le speranze, le attese, i sogni, e anche le preoccupazioni. Per qualcuno, forse, c’è un nuovo inizio nel lavoro, negli studi, nella carriera. Per altri è ancora un sogno nel cassetto. Poi ci sono anche quelli che preferiscono mantenere le cose come stanno. Che sia per una cosa, o per l’altra, tutti fanno dei piani con la speranza di poterli realizzare nel corso del’anno appena iniziato.

Il giovane Davide, che aveva ucciso il terrificante gigante Goliath, e riscosso l’ammirazione di tutto il popolo di Israele e del re Saul, al quale non troppo tempo dopo sarebbe succeduto, ricevette per bocca del profeta Nathan una magnifica promessa di Dio (2Samuele 7), parole che implicavano il suo futuro e quello della sua discendenza. Un piano per la vita. La sua risposta è un esempio utile su come pianificare effecacemente il futuro.

Davide si mise davanti all’Eterno (2Sam.7:18). Prenditi del tempo da trascorre in conversazione (preghiera) con Dio, parlagli delle tue preoccupazioni, dei tuoi progetti, degli obiettivi. Portali in preghiera a Dio e ascolta, poiché Lui risponde. Ascolta attentamente la Sua risposta attraverso la Bibbia, o per mezzo di una verità o una promessa che ti viene riscordata dallo Spirito Santo, e scrivi quello che ti viene suggerito. Questo avrà un IMPATTO sulla tua pianificazione e sullua tua vita

In questo tempo di conversazione con Dio, cogli l’occasione per confessare i pesi sul tuo cuore, loda e ringrazia il Signore. Poi chiedi di darti indicazioni, di rivelarti come mettere in pratica la sua verità per la tua vita, la famiglia, il lavoro, gli obiettivi che desideri realizzare. Mentre sei davanti a Dio leggi e medita la Sua Parola, Egli ti risponderà, e per non perderti ciò che ti ha detto, scrivilo e poi rileggilo.

Il mondo attraverso i media lancia messaggi di ogni genere, messaggi spesso confusi che disorientano. Ma Dio vuole illuminare il tuo percorso con la luce della Sua Parola. Queste conversazioni con il Signore sono cruciali per avere un vita pianificata in modo efficace, e di prosperità.

 

Quando la fede in Dio è reale

bussate - CopyLa vita mette ogni persona davanti a bisogni e sfide che spesso superano la personale capacità di affrontarle o risolverle. La sensazione è di sertirsi schiacciati e sconfitti. Abbiamo bisogno di aiuto, e ognuno cerca la persona giusta al posto giusto, la via d’uscita migliore. Spesso si scopre che quella che sembrava essere la soluzione definitiva, in realtà era solo temporanea. Allora, abbiamo bisogno di aiuto vero, efficace.

La ragione principale per cui le persone, e perfino quelli che si dichiarano cristiani, non si rivolgoano a Dio è perché non credono nella parola e nelle promesse di Dio. Non afferrano il vero senso della preghiera. Essa non è la recita apatica di una formula che potrebbe funzionare, non è un “devo-farlo” per piacere a Dio, e così garantirmi il suo favore. Se pensiamo così è perché ci è stato raccontato un dio che non è colui che si rivela nella Bibbia. Abbiamo un idea sbagliata di Dio, o siamo talmente lontani da Dio che solo Lui può venirci incontro e trovarci dove ci siamo perduti.

Rivolgersi a Dio si radica nel credere che a Dio nulla è impossibile. Credere nelle sue promesse e nella sua parola. Gesù ha spiegato questa verità in modo efficace, quando disse: “Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto” (Matteo 7:7). Dio vuole il tuo bene, ti vuole bene, anzi per usare la parola più esatta ti ama. Dio vuole darti quel lavoro di cui hai bisogno, aprire la porta della stabilità finaziaria, farti trovare la guarigione che stai cercando. Egli non dà pietre invece di pane, o serpenti invece di pesce. Gesù usò questo paragone per sottolineare questa verità: Dio vuole darci il meglio più di quanto noi saremmo capaci di fare per coloro che amiamo.

Rivolgersi a Dio non è presentargli la nostra lista della spesa, è molto più di questo. Rivolgere a Dio le nostre richieste si fonda sulla relazione Padre-figlio. Nel vangelo di Giovanni è scritto che in Gesù non abbiamo il diritto di essere figli di Dio. Il primo passo fondamentale è entrare in questa relazione padre-figlio, e ciò è possibile per grazia mediante la fede in Cristo Gesù che ci ha riconciliati con Dio. Ma non ci ferma qui. Il secondo passo è vivere la fede reale, che si fonda sulla certezza che quando ci rivolgiamo a Dio siamo ascoltati, quando bussiamo viene aperto, e ci ritroviamo in un dialogo aperto con Dio adorando, lodando, e ringraziando. Ci prendiamo il tempo per parlare con Lui e per ascoltare la sua voce, e quel tempo diventa un tempo di adorazione in cui lo Spirito di Dio applica le sue promesse e la sua parola alla nostra vita.

Fedeltà nella preghiera

hopePasqua è una delle principali feste cristiane. Una festa di grande significato, in cui si ricorda il sacrificio di Gesù Cristo, la sua passione, la crocifissione. Gesù, l’agnello pasquale, la nostra pasqua, come ricorda anche l’apostolo Paolo ai Corinzi (2Cor.1:20).

Quando leggiamo le origini di questa celebrazione, nel contesto ebraico della schiavitù in Egitto, possiamo cogliere uno degli aspetti della Pasqua che non sempre viene ricordato. La Pasqua è la risposta a 400 anni di sofferenza, oppressione, grida e preghiere rivolte a Dio. Anni in cui nonostante la sofferenza il popolo di Dio continuava a crescere, anni che non sono trascorsi inosservati. Dio ha preparato un suo uomo, ha preparato il popolo e ha agito per liberarlo e guidarlo verso la terra dove scorre il latte e miele.

Altri episodi biblici sembrano richiamare lo stesso principio di fedeltà nella preghiera, come nella vita del profeta Elia. Ci fu una lunga siccità durante i suoi anni, ed egli aveva la certezza che Dio sarebbe intervenuto mandando la pioggia. In 1Re 18:42-43, leggiamo che egli pregò non una, ma sette volte. Non sia arrese alla prima preghiera senza risposta, ne alla seconda, e così fino alla settima volta, in cui l’unico segno era una piccolissima nuvola. Egli non smise di credere, non fu vinto da pensieri di sconfitta. La pioggia arrivò.

La Pasqua fu la risposta di Dio ad anni di grida e preghiere. Anche tu stai pregando da tempo, ma sembra come se Dio non ascoltasse, come se non fosse interessato. Nessuna risposta, nessun segno. Ma Dio è fedele. Vede, ascolta, conosce e risponde.

Dio conosce il tuo bisogno, vede la tua situazione, ascolta la tua preghiera. In Cristo, la nostra pasqua tutte le promesse di Dio hanno il loro SI! In Cristo Dio dice si alla tua liberazione, SI al perdono, SI alla riconciliazione, SI alla guarigione. SI, sii fedele a cercarlo.